Home - Salute e sicurezza - Valutazione rischio da atmosfere esplosive

Valutazione rischio da atmosfere esplosive

Valutazione del rischio esplosione
È un'attività formalmente obbligatoria dal 30 giugno 2003 (oggi richiesta dal Titolo XI "Protezione da atmosfere esplosive" del D.Lgs. 9 aprile 2008 n.° 81 "Testo Unico sulla Sicurezza") ed è richiesta a tutte le aziende che svolgono attività o hanno impianti in cui tale rischio è potenzialmente presente.
Tale attività implica la redazione del "Documento sulla protezione contro le esplosioni" che, oltre alla valutazione del rischio, comprende la classificazione delle aree pericolose, per le polveri, i vapori e i gas, in accordo con le Norme Tecniche CEI.

ATEX

Termine nato dall'abbreviazione di ATmosphereres EXplosibles (Atmosfere esplosive)

COS'È

La direttiva 94/4/CE è stata creata per armonizzare le leggi dei singoli stati Europei, concernenti gli apparecchi-componenti, e i relativi sistemi di protezione, per l'utilizzo in atmosfere potenzialmente esplosive. Attualmente rinominata ATEX 95, è la direttiva Europea che definisce i requisiti standard di sicurezza minima richiesti alle apparecchiature-componenti.
La direttiva è stata inglobata nelle leggi nazionali degli stati di membri, ed applicata per la vendita e il libero commercio di attrezzature-componenti, e sistemi protettivi previsti per l'utilizzo in atmosfere potenzialmente esplosive. E' in vigore dal 1 Luglio 2003. Questa direttiva riguarda principalmente i fornitori di apparecchi e componenti.
La direttiva 99/92/CE definisce i requisiti minimi per l'incolumità dei lavoratori e la tutela della loro salute, che può essere messa a rischio dal lavoro in atmosfere potenzialmente esplosive.
Attualmente rinominata ATEX 137, questa direttiva riguarda principalmente i costruttori, operatori e manutentori di impianti che lavorano in condizioni di atmosfere potenzialmente esplosive. Per gli impianti di nuova costruzione la direttiva ha decorrenza dal 1 luglio 2003. Per l'adattamento di impianti già esistenti, è stata definita una fase transitoria di adattamento il cui termine è il 31 Dicembre 2005.